Il più grande errore nelle arti marziali e nella vita.

arti marziali errore

 

Se c’è un argomento su cui ho scritto tanto è proprio il fatto che nelle arti marziali proprio come nella vita i trucchi contano meno di zero.

Pensare, infatti, che il successo nelle arti marziali sia legato a qualche trucco è il più grande errore che si possa fare.

Dico questo perché ho perso il conto di quante persone nei commenti dei miei video su YouTube mi chiedono continuamente cose come “qual è il trucco per sconfiggere un avversario più forte?” o cose simili.

Scusate ragazzi ma la verità è che non ci sono trucchi: l’unica cosa che conta è l’allenamento e nello specifico l’allenamento fatto bene.

E non basta nemmeno farlo per un giorno, ma servono anni.

Guardare un video o allenarsi 5 minuti non è abbastanza perché non si tratta di sapere ma di saper fare.

Lo so che vado contro corrente e che siete abituati a sentirvi dire che esistono trucchi e scorciatoie ma questa non è la verità.

Sì, anch’io potrei cavalcare l’onda del “facile, veloce e senza fatica” che infesta oggi internet, e che sicuramente porterebbe migliaia di “mi piace” facili, ma non lo farò.

Perché?

La risposta è semplice:

mi sforzo con costanza di promuovere l’idea dell’allenamento e dell’impegno perché queste sono le virtù che hanno portato al vero successo tutte le persone degne di stima che conosco.

E non ti parlo solo dei più grandi marzialisti al mondo ma ti parlo anche di grandi uomini in generale.

Ho conosciuto grandi personaggi più o meno noti che lavoravano non solo nel mondo delle arti marziali ma anche nel sociale, nel mondo accademico, nell’imprenditoria, nello spettacolo, ecc. e tutti hanno dedicato buona parte della loro vita all’allenamento e all’impegno verso i propri progetti.

Quindi oggi, specialmente per il pubblico più giovane che mi segue, voglio ribadire un punto importante che è spesso fonte di fraintendimento e che nel tempo ha fatto scaturire molte mail di domande.

Non sei più furbo perché cerchi scorciatoie e trucchi invece di allenarti.

Anzi, molto presto farai la figura dello stupido perché se non impari a costruire delle abilità invece di cercare dei trucchi sei destinato a essere preso a pugni in faccia dalla realtà.

E non mi riferisco solo alla difesa personale perché lo stesso vale per qualsiasi progetto un minimo strutturato che tu voglia realizzare.

Ricordati quello che ti ho detto prima:

le persone di successo che conosco non sono diventati tali grazie ad un trucco ma grazie al giusto allenamento.

 

Scopri i maestri disonesti

 

 

“Intelligenza” non significa fare i furbetti scansa fatiche e “lavoro duro” non significa che puoi spegnere il cervello.

Non si tratta di lavorare come muli a testa bassa perché fare solo quello non produce veri risultati.

Per esempio, conosco persone che si allenano duramente nelle arti marziali e che non riescono a progredire di una virgola da un’anno all’altro o in altri casi il loro progresso è così trascurabile che altri atleti riescono a raggiungere risultati simili in un decimo del tempo.

Il punto è che per avere successo nelle arti marziali come nella vita bisogna essere sufficientemente astuti da saper trovare le giuste informazioni.

Bisogna saper progettare, comprendere e evitare gli ostacoli inutili.

Serve poi intelligenza per perfezionare un piano che ti aiuti a concentrare le tue energie nell’unico punto che allenato può fare la vera differenza.

Ricorda: un obiettivo alla volta!

Disperdere le proprie energie è, infatti, la seconda causa di fallimento delle persone.

Qual è la prima?

La prima è l’incapacità di lavorare a testa bassa una volta che si è stabilito un piano.

Le persone pensano che l’astuzia serva a evitare il lavoro duro ma non è così.

L’intelligenza serve per indirizzare il lavoro duro nella giusta direzione.

Quindi questa è l’equazione:

 Senza intelligenza non c’è strategia, senza strategia non si può indirizzare in modo proficuo il duro lavoro e senza lavoro duro non c’è successo.

 

Infine, ricorda anche che, senza delle guide, e più in generale senza l’aiuto di persone più esperte di te, il rischio di restare impantanati nella palude dei fallimenti è una certezza.

Io oggi non sarei niente se non avessi investito tutto per studiare e allenarmi con alcuni dei più grandi maestri (non solo nelle arti marziali ma anche in molti altri aspetti importanti che mi hanno permesso di essere quello che sono oggi).

Il successo dipende sempre da te!

Ma non voglio illuderti con frasi motivanti per cui sarò onesto conte te e te lo dirò senza troppi giri di parole:

il successo non è garantito per nessuno…

…ma, se esiste un modo per riuscirci, è proprio quello che ti ho indicato qui:

 Trova un buon mentore che ti sappia indirizzare, spronare e darti le giuste informazioni, usa l’intelligenza per concentrare le tue energie e preparati al duro lavoro/allenamento.

 

Smetti di cercare scorciatoie e trucchi per non impegnarti ma trova strategie e buoni insegnanti che ti aiutino a indirizzare al meglio le tue energie.

Detto questo ti auguro di cuore un grosso in bocca al lupo per i tuoi progetti marziali e più in generale per il tuo successo nella vita.

 


“oggi sii umile, sorridi e allenati perché presto sarà già domani”

Alla prossima
Enrico Luciolli