Arti marziali: qual è l’età giusta per cominciare?

a quanti anni è meglio cominciare arti marziali?

 

Forse questo sarà l’articolo più breve della mia storia perché la risposta giusta non è un età ma un momento…

…e quel momento è ora!

 

Ok, scusa.

Forse così è troppo sintetico e sembra la pubblicità di una nuova automobile o una frase da cioccolatino per cui voglio provare a spiegarmi meglio e a darti qualche dettaglio in più.

 

Partiamo col dire che ogni corso di arti marziali è un capitolo a se e non tutte le arti sono indicate per tutte le età.

E’ quindi normale che alcuni corsi pongano dei limiti sia per quanto riguarda l’età minima che l’età massima.

Per esempio: un maestro che insegna un’arte morbida come il Tai Chi è probabile che possa accettare come principiante una persona con più di 60 anni, ma è poco probabile che maestri di arti più fisiche come il pugilato, il judo o l’MMA possano accogliere un allievo che vuole cominciare a quell’età.

Allo stesso modo non consiglierei mai a un bambino di iscriversi a un corso di Tai Chi mentre gli proporrei qualcosa di più dinamico e adatto alla sua età (Kung Fu, Karate, Judo, Taekwondo, ecc, oppure se si tratta di un ragazzo gli proporrei qualche sport da combattimento o qualche corso che preveda il contatto).

 

In generale possiamo dire che nel panorama marziale italiano si possono trovare corsi pensati per bambini, per ragazzi, per adulti e perfino per persone anziane.

In base alle proprie esigenze, ai propri obiettivi e alla propria età ogni città di medie dimensioni di solito offre più di un’alternativa.

 

Scopri i maestri disonesti

 

L’unica raccomandazione che mi sento di farti è:

stai attento ai corsi “calderone”.

Sono quei corsi dove l’insegante, pur di avere qualche quota in più, accetta indiscriminatamente tutti.

L’omogeneità del gruppo, infatti, è molto importante per raggiungere dei risultati.

Se in un corso possono iscriversi tutti indipendentemente dall’età, dalla salute mentale, dalla forma fisica e dai propri obiettivi allora sicuramente la qualità dell’insegnamento ne risentirà molto.

 

Nei miei corsi, per esempio, uso un approccio professionale con una didattica molto strutturata e per garantire i migliori risultati possibili non solo sono molto rigido sulla selezione del gruppo ma addirittura suddivido i vari anni dei corsi per classi e ogni classe è seguita contemporaneamente da più di un insegnante.

Tuttavia anche se questa è la soluzione che ho scelto per la mia scuola non necessariamente deve essere la strada giusta per tutti:

avendo puntato tutto sulla qualità, i miei corsi richiedono molto impegno, non sono adatti a tutti e sono anche di qualche euro più cari rispetto a quelli di altre palestre per cui è normale che per tutte quelle persone che sono fuori target di età, che non sono così interessate ai risultati o che hanno problemi di budget vadano meglio i corsi più economici, che fanno meno selezione e che hanno una didattica più amatoriale.

Non c’è niente di male: non tutti abbiamo le stesse esigenze.

E se anche tu sei una persona che punta al risparmio non voglio convincerti a iscriverti a un corso Top ma ricordati solo che esiste sempre un limite a quanto può essere conveniente partecipare a un corso “calderone”…

…per quanto un corso possa costare poco, trovarsi nella stessa classe con compagni, obesi, pigri, ritardati, violenti, maleducati o altro, non è mai una buona idea.

Per cui anche se non puoi permetterti, o non ti interessa, un corso Top valuta bene perché può essere che nella tua città esista anche un corso di prezzo medio che pone comunque un po’ di attenzione al gruppo.

 

 

Occhio alle fregature

Infine la cosa più importante è trovare un insegante che meriti la tua fiducia.

Come primo passo puoi scaricare la guida gratuita che trovi qui sul sito (link) e appena hai tempo segui il mio consiglio:

leggiti anche tutti gli articoli che trovi cliccando dal menù categorie su “corsi truffa”.

 

Sei un genitore?

Sei indeciso se iscrivere tuo figlio o tua figlia a un corso di arti marziali?

Non pensarci due volte!

Se trovi un corso serio e il bambino ha l’età minima per partecipare iscrivilo il prima possibile.

 

Si potrebbe scrivere un articolo intero sul perché delle mie parole…

…per cui in futuro lo farò sicuramente…ma per ora, dato che questo non è l’argomento principale, mi limiterò a riassumere il tutto incollando un immagine che un mio amico istruttore aveva condiviso qualche tempo fa su Facebook.

i bambini e le arti marziali

 

 

E per me invece? cosa mi consigli?

Una volta capito come trovare un insegnante onesto e capito che per chi vuole avvicinarsi alle arti marziali esistono soluzioni per tutte le età e per tutte le tasche la vera domanda è:

Se in questo momento non stai praticando qual è la tua scusa?

Forse non hai mai avuto il tempo per cominciare?

…o magari hai scoperto solo ieri che esistono le arti marziali?

…o forse in passato hai già praticato ma per varie ragioni hai dovuto mollare?

…o magari sei finito nella palestra di un insegnante disonesto?

 

Qualunque sia la tua scusa non ne esiste una abbastanza valida da giustificare il fatto che tu oggi non voglia diventare una persona migliore e che di conseguenza non stia facendo qualcosa di concreto in questo senso.

 

Come dici? Stai già facendo altre cose importanti?

Sì lo so: Il fatto è che non è mai il momento giusto per cominciare (o per riprendere) e allo stesso tempo lo è sempre.

In ogni momento esistono delle valide ragioni per accantonare e rimandare un progetto in funzione di altri ma ricorda che per le cose importanti bisognerebbe sempre riuscire a trovare il tempo.

 

La tua crescita personale è importantissima…

…e come dico spesso ai miei allievi:

tutti sono capaci di trovare scuse per mollare o non fare.
Se vuoi fare la differenza e se vuoi essere una persona migliore allora devi trovare sempre una scusa per fare e per non mollare…anche quando è dura.

 

Il modo in cui ogni giorno ti impegni con azioni concrete e con perseveranza per diventare una persona migliore dice tutto di te.

 

Questa è la differenza tra chi consuma la propria vita per fare da spettatore a quella degli altri e chi invece vive davvero.

 

Come dicevo prima, forse non sarà mai davvero il momento giusto per cominciare (o ricominciare) e se aspetti che le stelle in cielo si allineino allora può essere che quel momento non arrivi mai…

…vuoi il mio consiglio?
impara ad agire anche se non è tutto perfetto!

Le scelte importanti nella tua vita dipendono solo da te e non puoi procrastinare sempre in attesa di tempi migliori.

 


“oggi sii umile, sorridi e allenati perché presto sarà già domani”

Alla prossima
Enrico Luciolli